Iconici ed unici nel loro design i famosi ed amatissimi Van Camper Volkswagen degli anni’60 fecero viaggiare la gente dell’epoca con uno stile riconoscibile, divenuto un must di quegli anni. L’unica nota dolente era il consumo davvero esoso di carburante.

Non si poteva lasciare nell’oblio un mezzo di trasporto diventato un “simbolo” di quegli anni di rinascita, e quindi la casa automobilistica tedesca ha recentemente presentato una concept car ispirata all’iconico microbus a 11 finestre tipo 2 del 1962, denominata Volkswagen Type 20, aggiornata con mobilità elettrica e un look estetico futuristico che permette di rivivere la nostalgia senza impatto ambientale e naturalmente, risparmiare sui prezzi del carburante. 

Il veicolo elettrico Type 20 celebra più di due decenni di design automobilistico innovativo e il lancio del nuovo centro di ingegneria Volkswagen in California (IECC), il più grande centro di ricerca dell’azienda al di fuori della Germania. “Siamo entusiasti di entrare nel nostro prossimo capitolo come IECC, per continuare a progettare innovazioni che porteranno i veicoli del gruppo Volkswagen nel futuro con tecnologie all’avanguardia”, afferma Nikolai Reimer, Senior Vice President di IECC. “La Type 20 è un esempio fantastico di come celebriamo la nostra eredità mentre ci sforziamo di far progredire la nostra tecnologia”.

Il retro’ – futuristico Type 20 è dotato di una trasmissione BEV (batteria elettrica) completa da 10 kWh (chilowattora), un caricabatterie a bordo da 2.500 watt e un motore elettrico che sviluppa 120 cavalli e 173 Newton metri di coppia. Ha anche delle sospensioni progettate su misura che regolano l’altezza di guida del veicolo all’avvicinarsi del guidatore. Se questo non bastasse, incorpora anche un chip per computer prodotto dalla società di intrattenimento Nvidia, che permette l’identificazione biometrica utilizzando il riconoscimento facciale.

La tecnologia applicata sul veicolo è davvero all’avanguardia, ma anche l’aspetto estetico del Type 20 ha un design sorprendente; da una lato le sue forme celebrano l’eredità del camper originale di tipo 2, dall’altro è stato dato un tocco moderno con luci arancioni fluorescenti, ruote personalizzate e supporti per i specchietti retrovisori che massimizzano la potenza e riducono al minimo il peso.

E nonostante questo “restyling” non possiamo non rimanere ancora affascinati.

Condividi l'articolo