L’eleganza stereotipo di stile, evergreen e vintage attuale

Stile, glam e eleganza sono gli aggettivi che meglio definiscono i trend di moda: ogni epoca, decennio ha le sue figure di vanità, i suoi modelli che definiscono la moda come un universo speciale a cui molto spesso bisogna rapportarsi, cambiamenti di cui bisogna tener conto che propongono evoluzioni non sempre ben accettate da chi la moda, ma soprattutto l’eleganza la considera un valore costante da cui non si dovrebbe prescindere.

Condividi l'articolo

L’eleganza: mood vintage o contemporaneo?

Stile, glam e eleganza sono gli aggettivi che meglio determinano i trend di moda: ogni epoca, decennio ha le sue figure di vanità, i suoi modelli che definiscono la moda come un universo speciale a cui molto spesso bisogna rapportarsi, cambiamenti di cui si deve tener conto che propongono evoluzioni non sempre ben accettate da chi la moda, ma soprattutto l’eleganza la considera un valore costante da cui non si dovrebbe prescindere. In questo contesto Events Vintage ,sempre alla ricerca di dettami esclusivi di un passato recente, non può far a meno di tenere conto di come il concetto di charme sia cambiato negli anni, valutando anche quanto è ancora oggi importante e reale in una società molto spesso eccessivamente stravagante. Nei secoli passati, soprattutto alle corti dei re di Francia o Inghilterra, l’eleganza era sinonimo di ricchezza: gli abiti erano realizzati con tessuti pregiati ricchi di colore e dettagli sontuosi, poi con l’avvento della moda pronta le grandi sartorie hanno subito inflessione e il concetto d’eleganza è mutato, definito dalla nascita di collezioni omologate in vendita nei più popolari grandi magazzini: non più esclusività ma bene comune e (forse) troppo popolare.

L’eleganza reinterpretazione originaria di un must

Il ‘900 è il secolo dei cambiamenti, di rivoluzioni in ogni settore: le guerre determinano ancora di più la differenza tra ricchezza e povertà e in questo contesto nascono le grandi griffe che ufficialmente si nominano portatori di un eleganza rinnovata e non sempre compresa. Lo stilista è dunque il creatore di stile a cui affidarsi, magari giocando con dettagli e accessori, con stampe e colori che ridefiniscono il design e la moda adeguandola alle innovazioni dei tempi. Reinterpretare il concetto d’eleganza non è facile, la contemporaneità porta spesso il mondo della moda e i suoi indiscussi e affermati protagonisti lontano dal suo significato originario: i frequenti eccessi presentati degli stilisti nelle loro collezioni confermano una voglia d’apparire ed imporsi ad una stampa troppo critica che ha portato le case di moda ad ignorare, spesso, la semplicità degli outfit. In questi ultimi anni l’eleganza sta riconquistando il mondo della moda, è oggi ancora più che in passato sinonimo di sobrietà e semplicità espressa in sete e lane pregiate ma anche in modelli lineari, facilmente indossabili in grado di esaltare le figure femminili nelle sue più minute sfumature.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie