Sole, aria fresca e voglia di stare all’aperto caratterizzano le prime giornate di Primavera, giornate tanto attese dalle temperature piacevoli che si scontrano, non per caso, con la Pasqua e i ponti delle festività d’Aprile. La Pasqua è da sempre il momento cult per ritrovare gli amici, oltre che la famiglia, e trascorrere i primi giorni all’aperto in attesa della bella stagione dopo un lungo e freddo inverno, è anche per questo che ci sono tradizioni a cui non si può derogare come quella del barbecue o del pic- nic organizzati in appositi spazi offerti dalle città ma anche dalle località di mare e campagna. Niente è divertente come la più classica delle scampagnate di Pasqua, un pic-nic che non può essere limitato solo al mangiare ma ha un suo perchè soprattutto se è ispirato al mood del passato e assume quel allure vintage perfetta per un pranzo sui prati. Le origini del pic-nic sono medievali e richiamano quel senso informale di convivialità espressione del mangiare all’aperto in compagnia, un modo per stare insieme che nel corso dei secoli si è sviluppato notevolmente dando vita ad un proprio orientamento che in Inghilterra durante l’epoca vittoriana prese il nome di Picnic Society, un vero e proprio club che preferiva e elogiava i pranzi fuori porta, come una vera e propria piccola arte divenuta poi nel corso degli anni non più d’elite ma alla portata di tutti. Oggi il pic-nic ha un suo perchè soprattutto se organizzato tenendo conto non solo delle portata da mangiare ma anche di tutti quegli aspetti che vanno dalla location agli accessori tali che lo rendono glam e molto spesso d’ispirazione vintage.

I dettagli per realizzare un pic-nic vintage perfetto

Per realizzare un pic-nic  vintage perfetto ispirato ad un passato recente e che consolidi la tradizione senza trascurare nessun dettaglio occorre dare rilevanza ad aspetti come la location che deve essere scelta tenendo conto della stagione, ma anche dell’esigenze personali. Molto importante è anche l’arredamento della tavola a seconda se si hanno a disposizione degli appoggi o meno ad ogni modo devono essere acquistati tutti i packaging per alimenti come tovagliette, nastrini, stuzzicadenti, ecc. necessari per organizzare il pranzo perfetto. Oltre alla scelta del cestino in vimini perfetto ispirato agli iconici anni ’50 dove riporre stoviglie, posate e suppellettili vari e che è considerato il cuore di ogni scampagnata per questo non dovrebbe essere mai scelto a caso, negli ultimi tempi si usa anche portare bicchieri, piatti e tazze in stile vintage ma solo se il pic-nic è per pochi eletti. Il pic-nic vintage perfetto non dovrebbe poi mai prescindere dall’organizzazione e definizione del menù del pranzo ma anche della merenda, e dalla considerazione della quantità degli invitati che nel caso andrebbero avvertiti dello stile vintage dell’evento tanto per rendere l’ambientazione più possibile proiettata al passato. La scampagnata di Pasqua si veste di vintage con l’aiuto di pochi elementi come il cestino di vimini, la tovaglia vichy e la scelta di alcune pietanze fredde must di queste lunghe giornate all’aperto: pronti ad una scampagnata di Pasqua in stile retrò?

Condividi l'articolo