TV e Vintage: il successo delle fiction retro’

TV e Vintage: il successo delle fiction retro’

Dopo anni la tv riscopre le tradizioni e la storia che hanno fatto grande l’Italia nel secondo dopoguerra, una nazione segnata dalla crisi che è riuscita a sfruttare il tempo e il momento di boom economico realizzando una crescita inaspettata che ha coinvolto tantissimi ambienti. Negli ultimi anni la televisione ha scelto di celebrare quel momento storico mettendo in cantiere più di una fiction, dove non solo la storia è protagonista ma anche i costumi, gli arredi e gli oggetti di un epoca ancora troppo vicina per essere definita storia. In questo contesto la tv celebra il vintage nella sua completezza confermando un ritorno ad un passato nostalgico, molto apprezzato non solo dagli appassionati ma anche da chi non è solito avvicinarsi al mondo retrò quotidianamente. Fiction come Studio Uno o Il Paradiso delle Signore si confermano prodotti vincenti, conquistano il pubblico perchè curati in ogni dettaglio, ma soprattutto convincono perchè il viaggio nel passato è quasi reale e passa per l’acconciatura, per il trucco e ovviamente per gli abiti scelti con estrema attenzione per la moda del tempo, e secondo alcuni esperti anche originali del periodo.

TV e Vintage: il Paradiso delle Signore un successo made in Italy

Il Paradiso delle Signore nella sua seconda edizione conferma il trend di successo della serie precedente, ispirata  al romanzo di Emile Zola Al Paradiso delle Signore, è ambientata proprio nella Milano degli anni ’50, anni dell’emancipazione femminile, ma anche di grandi cambiamenti nel mondo della moda riservata non più solo a pochi eletti ma alla portata di tutti. La celebrazione del vintage si conferma vincente anche in televisione, un vintage decisamente ricercato e apprezzato da un pubblico più generico che ne esalta gli aspetti positivi, ma anche quelli più malinconici. Un viaggio nel passato che entra nelle case degli italiani in modo semplice e diretto, un viaggio che si conferma di sicuro successo.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie